Seleziona una pagina

Perché abbiamo bisogno della Luna?

 

La velocità con cui la Luna si sta allontanando dalla Terra potrebbe influenzare la vita sul pianeta, ma ciò potrebbe richiedere miliardi di anni per accadere.

È facile dare per scontata la Luna, anche in una notte limpida quando può illuminare il cielo. Sembra davvero che sia sempre stato lì come è adesso, nel corso della storia. Ma questo non è rigorosamente vero.

La Luna si sia formata quando un proto-pianeta delle dimensioni di Marte si è scontrato con la Terra primitiva circa 4,5 miliardi di anni fa. I detriti lasciati dall’impatto si unirono per formare la Luna. La Luna era molto più vicino alla Terra – a soli 22.500 km  di distanza, rispetto al 402.336 km tra la Terra e la Luna oggi.

La Luna continua a allontanarsi dalla Terra, al ritmo di 3,78 cm all’anno.

Senza la Luna, la Terra potrebbe rallentare abbastanza da diventare instabile, ma ciò richiederebbe miliardi di anni e potrebbe non accadere affatto. La migrazione della Luna lontano dalla Terra è dovuta principalmente all’azione delle maree terrestri.

La Luna è tenuta in orbita dalla forza gravitazionale che la Terra esercita su di essa, ma la Luna esercita anche una forza gravitazionale sul nostro pianeta e questo fa sì che il movimento degli oceani terrestri formi un rigonfiamento di marea.

A causa della rotazione della Terra, questo rigonfiamento delle maree si trova in realtà leggermente più avanti della Luna. Parte dell’energia della Terra che gira viene trasferita al rigonfiamento delle maree per attrito.

Questo porta il rigonfiamento in avanti, mantenendolo davanti alla Luna. Il rigonfiamento delle maree alimenta una piccola quantità di energia nella Luna, spingendola in un’orbita più alta come le corsie esterne più veloci di una pista di prova.

Ma l’energia guadagnata quando la Luna viene spinta più in alto è bilanciata da una riduzione dell’energia del suo movimento – quindi un’accelerazione fornita dalle maree terrestri sta effettivamente rallentando la Luna.

Mentre 3,78 cm potrebbero non sembrare molto, questa piccola differenza per un periodo di tempo abbastanza lungo potrebbe influenzare la vita sulla Terra, rallentando il pianeta.

Sulla Terra primitiva, quando la Luna si era appena formata, i giorni erano lunghi cinque ore, ma con l’effetto frenante della Luna operante sulla Terra negli ultimi 4,5 miliardi di anni, i giorni sono rallentati fino alle 24 ore che conosciamo ora, e continueranno a rallentare in futuro.

Possiamo vedere alcune prove del rallentamento nei reperti fossili di alcune creature.

Osservando le fasce di crescita giornaliere dei coralli, possiamo calcolare il numero di giorni che si sono verificati all’anno nei periodi precedenti, e da questo possiamo vedere che i giorni si allungano, ad un ritmo di 19 ore ogni 4,5 miliardi di anni.

La durata di un giorno, o in altre parole la velocità di rotazione del pianeta, gioca un ruolo importante nella sua stabilità.

Proprio come mantenere una piastra che gira su un bastone, la chiave è avere una piastra che gira velocemente, come se rallenta si schianta sul pavimento. In modo simile, mentre la rotazione della Terra rallenta, l’intero nostro pianeta potrebbe iniziare a vacillare lentamente e questo avrà un effetto devastante sulle nostre stagioni.

Abbiamo le stagioni che attualmente svolgiamo, a causa dell’inclinazione della Terra ad un angolo di 23 gradi sul suo asse.

Durante l’estate, l’emisfero nord è inclinato verso il sole, quindi abbiamo giorni più lunghi e un clima più caldo. Tuttavia, in inverno, l’emisfero settentrionale è inclinato lontano dal sole, dandoci giorni più brevi e un clima più fresco.

Se questo dovesse cambiare, e la Terra diventasse instabile, allora parti del mondo potrebbero sperimentare sbalzi di temperatura molto più grandi di quelli a cui siamo abituati in un dato anno, con temperature artiche gelide in inverno seguite da temperature calde in estate.

Come umani abbiamo la capacità di adattarci al nostro ambiente locale per soddisfare i nostri bisogni. Se gli umani sono ancora in giro quando e se succede, è molto probabile che sopravvivremo a questi enormi cambiamenti con l’aria condizionata in estate e un sacco di riscaldamento in inverno.

Sfortunatamente la maggior parte degli animali non è così adattabile e se questi cambiamenti avvenissero rapidamente a causa di una instabilità planetaria instabile, la maggior parte degli animali non sarebbe in grado di evolversi abbastanza rapidamente da andare in letargo o migrare per evitare danni.

La razza umana ha poco da temere al momento. Quando si verificasse un cambiamento, gli umani potrebbero persino aver generato una tecnologia che potrebbe accelerare la rotazione della Terra o trasportarci su altri pianeti vivibili all’interno della nostra galassia.

Pin It on Pinterest

Share This